Benedici

Pubblicato il Pubblicato in Canti, Offertorio

 

[RE-]Nebbia e freddo, giorni lunghi e a[DO]mari

mentre il seme [RE-]muore. [FA]Poi il prodigio

antico e sempre [DO]nuovo del primo filo [SIb]d’erba

e nel [FA]vento dell’es[DO]tate on[RE-]deggiano le [FA]spighe:

av[DO]remo ancora [LA]pa…[RE]ne. 

                                                

RIT: [SOL]Bene[RE]dici[SOL]  o Si[RE]gnore,

[DO]questa of[SOL]ferta che por[LA4]tiamo a te.   [LA]                                         

[SOL]Facci [RE]uno [SI-]come il [FA#-]pane

[MI]che anche [SOL]oggi hai [RE]dato a noi.

 

[RE-]Nei filari, dopo il lungo in[DO]verno fremono le [RE-]viti.

[FA]La rugiada avvolge nel si[DO]lenzio i primi tralci [SIb]verdi,

poi  i co[FA]lori dell’au[DO]tunno coi [RE-]grappoli ma[FA]turi:

av[DO]remo ancora [LA]vi…[RE]no. 

                             

RIT: [SOL]Bene[RE]dici[SOL]  o Si[RE]gnore,

[DO]questa of[SOL]ferta che por[LA4]tiamo a te.   [LA]                                  

[SOL]Facci [RE]uno [SI-]come il [FA#-]vino

[MI]che anche [SOL]oggi hai [RE]dato a noi.                  

[SOL]Bene[RE]dici[SOL]  o Si[RE]gnore,

[DO]questa of[SOL]ferta che por[LA4]tiamo a te.   [LA]                                        

[SOL]Facci [RE]uno [SI-]come il [FA#-]pane

[MI]che anche [SOL]oggi hai [RE]dato a noi.

Lascia un commento